Le principali specie di tartufo

Sei qui: Home | Gusta | Prodotti tipici | Tartufo | Le principali specie di tartufo
  • Aggiungi a Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • OKNotizie
  • Segnala su Badzu
  • Google Bookmarks
Cane da cerca al lavoro

La determinazione delle diverse specie di tartufi è basata sulla forma, sulla dimensione, sul colore, sulle ornamentazioni del peridio, sull’aspetto della gleba, sul profumo e sul sapore. Qualora queste caratteristiche non siano sufficienti, è necessario l'esame microscopico degli aschi e delle spore che possono essere reticolate, alveolate o spinulate.
Attualmente è possibile determinare i tartufi in tutte le fasi del loro sviluppo mediante esami biomolecolari.

In Italia si raccolgono una decina di specie di tartufi, tra queste la più pregiata è il Tuber magnatum Pico (tartufo Bianco d’Alba o d’Acqualagna o Bianco pregiato) che ha sempre mantenuto il primato, oltre che sulla tavola, anche sui prezzi.
Seguono il T. melanosporum Vitt. (tartufo nero di Norcia e Spoleto o Nero pregiato) che a tutt’oggi, in Italia, non è stato ancora apprezzato come merita, il T. borchii Vitt. (Bianchetto o Marzuolo), il T. aestivum Vitt. (Scorzone) con la sua varietà uncinatum Fischer oggi riportata come specie nella legge italiana, il T. brumale Vitt. (tartufo Invernale) con la sua varietà moschatum Ferry e il profumato e saporito T. macrosporum Vitt. (Nero liscio).

Attenzione! Sito in dismissione!

Questo sito presto non sarà più disponibile e verrà sostituito da www.visitlmr.it.
Pertanto i dati non verranno più aggiornati. Per informazioni su eventi e orari di apertura, vi preghiamo di contattare i nostri uffici:
info@visitlmr.it - +39.0173.35833