Itinerari

Sei qui:Home |Scopri|Itinerari Outdoor | GTL in MTB - Variante - da San Benedetto Belbo a Murazzano

GTL in MTB - Variante - da San Benedetto Belbo a Murazzano

Cicloescursionismo

GTL in MTB - Variante - da San Benedetto Belbo a Murazzano

San Benedetto Belbo - Murazzano
 
Deviazione dal percorso classico della GTL, che ci permette di raggiungere Murazzano, uno dei borghi più caratteristici dell’Alta Langa, tra panorami unici e formaggi a base di pecora, che portano il nome del paese nel mondo.
 
San Benedetto Belbo è un luogo magico senza tempo, trasportato dalla caducità delle cose umane (il castello perduto, le case dirute, il monastero scomparso) all’eternità della letteratura maggiore, dal genio schivo e solitario del più grande scrittore italiano del dopoguerra. Non a caso le rare foto in cui Beppe Fenoglio sorride sono quasi tutte prese a San Benedetto, lui col vestito della festa che si muove sulla piazza, come un attore sul palco. Perché solo questo è oggi San Benedetto: una torre di scena in cui lo scrittore ancora e per sempre muove i suoi personaggi che sono ancora tutti lì, in quelle strade e in quelle case. Tutto qui parla di Fenoglio e Fenoglio sempre di San Benedetto ha parlato.

Chiudendo idealmente le pagine dei libri di Fenoglio, si torna ai pedali e, dal centro del paese, seguendo la provinciale si arriva alla Cascina Monastero, dove si imbocca il sentiero a sinistra in direzione del Lago delle Verne e, appena superato il ponte, si svolta ancora a sinistra imboccando una sterrata che porta a Cascina Maineri, percorrendo un tratto di sentiero che conduce al comune di Murazzano.

Murazzano, dalla caratteristica torre di pietra, è uno dei borghi più grandi e affascinanti dell’Alta Langa, giustamente famoso per la toma omonima (un formaggio DOP di pura pecora) e per conservare l’unico mulino a vento delle Langhe, ricavato da un’altra torre di guardia, situato uscendo dal centro abitato dopo il bel Santuario della Madonna di Hal, verso il cimitero. Il paese ha un concentrico bellissimo, con ancora due porte urbiche e una notevole parrocchiale. Anche qui Fenoglio ha raccontato moltissimo e nessun amante dello scrittore può uscire dal paese senza immaginarsi quella ragazza, Nella, personaggio del racconto “L’addio”, trascinata via sul carro con la famiglia di mezzadri che lasciava il paese “facendo appunto San Martino”, espressione che in piemontese significa fare trasloco, perché il 10 novembre, appunto a ridosso del giorno di San Martino si chiudevano i contratti agrari e, spesso, le famiglie di contadini si trasferivano per cercare fortuna altrove.


Scarica il tracciato in .kmz

Scarica la guida in .pdf

Scarica il testo della tappa in.pdf



Lunghezza percorso [IT]: 5,5 km


Servizi

    Livello di difficoltà 2

Attenzione! Sito in dismissione!

Questo sito presto non sarà più disponibile e verrà sostituito da www.visitlmr.it.
Pertanto i dati non verranno più aggiornati. Per informazioni su eventi e orari di apertura, vi preghiamo di contattare i nostri uffici:
info@visitlmr.it - +39.0173.35833